Digital News

Windows 10 Feature Experience Pack: Microsoft pensa a un nuovo Sistema di aggiornamento …

Un importante cambiamento potrebbe coinvolgere gli utenti del popolare sistema operativo Windows 10 nel prossimo futuro: Microsoft infatti starebbe lavorando ai cosiddetti Feature Experience Pack, aggiornamenti più modulari, che permetterebbero cioè al colosso di Redmond di aggiungere nuove funzionalità in modo più veloce, senza la necessità di introdurli unicamente con gli aggiornamenti completi di sistema, che com’è noto attualmente sono rilasciati solo due volte l’anno, ogni 6 mesi circa.

Leggi Anche

Windows 10, Microsoft al lavoro per un’interfaccia rinnovata nel 2021

Nei giorni scorsi, Microsoft ha pubblicato il suo primo Windows Feature Experience Pack, disponibile per tutti gli utenti iscritti al canale Insider beta. Questo pacchetto permette a Microsoft l’aggiornamento di alcune particolari funzioni che sono sviluppate separatamente dall’OS.
“Attualmente, solo un numero limitato di funzioni è stato sviluppato in questo modo, quindi stiamo iniziando a lavorare in modo molto mirato”, ha scritto un senior program manager di Microsoft sul blog di Windows. “Testando questo processo prima con Windows Insider, speriamo di ampliare la portata e la frequenza dei rilasci in futuro”.

I Feature Experience Pack erano già stati avvistati nelle impostazioni di Windows 10 May 2020 Update, tuttavia questa è la prima volta che ne sentiamo parlare direttamente da Microsoft.
Gli Insider dovranno riavviare dopo l’installazione del pacchetto per attivare i suddetti miglioramenti e potranno controllare la loro versione di Windows Feature Experience Pack andando in Impostazioni > Sistema > Informazioni.
L’aggiornamento è stato mandato agli insider tramite Windows Update, tuttavia per poterlo ricevere è necessario disporre di Windows 10 20H2 build 19042.662.

Commenti – Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro. Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie
Peter Gomez

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano! Diventa utente sostenitore!
Con riconoscenza
Peter Gomez



Sostieni adesso


Articolo Successivo

5G, da settembre stop all’installazione delle apparecchiature Huawei nel Regno Unito


Articolo Originale di , pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button