Business & Management

Va bene la globalizzazione, ma con valori precisi. Come il made in Italy

intervento

Le nostre imprese non esportano solo prodotti ma anche valori di qualità, innovazione, rispetto dei lavoratori e delle comunità in cui operano

di Marco Grumo *

(REUTERS)

Le nostre imprese non esportano solo prodotti ma anche valori di qualità, innovazione, rispetto dei lavoratori e delle comunità in cui operano

3′ di lettura

Gli ultimi eventi hanno fatto capire come “tutto il mondo è Paese”: un fenomeno nato a migliaia di chilometri di distanza è diventato in pochissimo tempo una grave emergenza nazionale e locale. L’economia e i mercati sono interconnessi e di fatto non esiste più il paradigma di una impresa esclusivamente nazionale o locale: anche quella più piccola ha infatti relazioni quotidiane e visibilità globale, ha clienti e fornitori internazionali.

Le imprese italiane ormai vendono, si riforniscono e producono all’estero: sono fenomeni ordinari che fanno parte della normale strategia di tutte le aziende, di qualsiasi dimensione e settore. Nel mercato globale le imprese italiane si trovano a competere con imprese provenienti da ogni parte del mondo sui prezzi, sul servizio, sulla qualità, sulle dimensioni, sui talenti, sulla conoscenza, sulla comunicazione.

Tuttavia nell’arena internazionale le imprese non sono tutte uguali.
In particolare, quelle italiane – incluse quelle piccole e medie – non esportano solo beni e servizi di alta qualità, apprezzati a livello mondiale per affidabilità, creatività e genialità, ma esportano anche valori d’impresa altamente positivi. Per esempio: il valore del lavorare duro, della famiglia, della qualità, della creatività e dell’innovazione, della sicurezza dei clienti e dei prodotti, del rispetto dei lavoratori e delle comunità in cui si opera. Come pure l’attenzione alla solidità economica dell’impresa, alla legalità e al valore fondamentale degli investimenti.

Anche questo è parte del grande valore del made in Italy. Si tratta di aspetti importanti nell’era della competizione globale, basata ancora troppo sul prezzo basso, e ancora troppo poco sulla qualità, sulla sicurezza e sui valori. Questo perché nel mercato globale le imprese, con valori molto diversi tra loro, tendono a confondersi. Infatti ci sono imprese che rispettano i lavoratori e altre che non lo considerano fondamentale; ci sono imprese solide finanziariamente e altre fragili; ci sono imprese che investono e altre che non lo fanno, ci sono imprese che rispettano i territori in cui si inseriscono e altre che li sfruttano; ci sono imprese che rispettano le leggi e la sicurezza dei propri clienti e altre che si atteggiano in modo più opportunistico. Sono soggetti molto diversi che non possono e non devono essere trattati allo stesso modo.

Oggi i problemi non sono più di quantità, ma di qualità. In particolare nei mercati globali competono sostanzialmente tre tipologie di imprese, difficilmente identificabili a “occhio nudo” (specie nel breve termine): le prime, le potremmo chiamare “imprese-agenti sociali”, le seconde, “imprese-titolo” e le terze “imprese-giocattolo”.


Articolo di di Marco Grumo * pubblicato a questo indirizzo. e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.


Tags
Show More

Redazione DReporter

Il Team di Redazione è composto da vari collaboratori e freelancers ognuno dei quali in focus sull'argomento trattato

Articoli Suggeriti per Te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button