Digital News

Una ragazza scomparsa è stata rintracciata dagli spettatori di una diretta su Twitch

Una ragazza scomparsa è stata identificata per puro caso pochi giorni fa durante una diretta sulla piattaforma di streaming Twitch. È avvenuto pochi giorni fa in una catena di eventi difficile da immaginare e che ha visto unite l’opera degli youtuber Ale della Giusta e Anima insieme all’attività dello streamer Homyatol insieme ai suoi follower.

Da YouTube a Twitch

Della ragazza si erano perse le tracce da tempo, tanto che le sue ricerche erano state promosse anche dalla trasmissione televisiva Chi l’ha Visto. A rintracciarla è stata per caso la coppia di youtuber formata da Ale della Giusta e Anima, che esplorando l’interno di un manicomio abbandonato si sono imbattuti in una ragazza che abitava al suo interno. I due hanno fatto qualche domanda all’inquilina della struttura senza conoscerne con precisione la storia, e hanno pubblicato il tutto online come parte del loro reportage nel manicomio. La vicenda si è spostata su Twitch quando lo streamer Homyatol è rimasto colpito dal video e ha deciso di guardarlo insieme ai suoi spettatori nella sua diretta di lunedì 7 giugno. Nell’osservare il video condiviso, alcuni spettatori di Homyatol si sono accorti della somiglianza della protagonista con la ragazza scomparsa e segnalata dalla trasmissione TV.

Allertato in chat dai suoi spettatori, Homyatol si è spostato sul sito di Chi l’ha Visto per verificare l’informazione – il tutto sempre durante la diretta su Twitch. Quando lo streamer si è accorto che la ragazza nel video era effettivamente la stessa segnalata dalla trasmissione, ha avvertito immediatamente l’autore del video che ha poi contattato le forze dell’ordine per riferire loro dell’incontro. Non è chiaro come si sia risolta la faccenda, per diversi motivi: innanzitutto Homyatol ha spiegato di non poter più fornire informazioni sul caso dal momento che ci sono indagini in corso; la ragazza inoltre – come hanno…

Leggi articolo completo cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button