Digital News

Su WhatsApp arriva la modalità che autodistrugge i messaggi nelle nuove chat

Gli sviluppatori di WhatsApp stanno lavorando ormai da tempo su alcune caratteristiche per far sì che i messaggi condivisi all’interno dell’app non rimangano memorizzati per sempre negli smartphone dei destinatari. L’ultima di queste novità è in fase di test in questi giorni e debutterà presto sulle versioni dell’app per Android e iOS: si tratta di una modalità temporanea – che fa sì che i messaggi inviati in tutte le nuove chat aperte sulla piattaforma si autodistruggano dopo 7 giorni dall’invio.

La novità è stata intercettata dalla comunità di WABetaInfo e si sviluppa sulla base di una caratteristica già presente all’interno dell’app, ovvero la modalità messaggi effimeri. Questa modalità si può attivare già oggi in qualunque chat, a prescindere dal fatto che se si tratti di un gruppo o di una conversazione singola, né che ci si trovi nell’app della piattaforma per smartphone oppure sulle versioni web o desktop: attivando la modalità effimera tra le opzioni di una chat, i messaggi inviati in quella conversazione spariranno dopo 7 giorni dall’invio. Il sistema funziona come un interruttore, che può essere spento in ogni momento riportando alla normalità il funzionamento delle chat coinvolte.

Come si usa la modalità temporanea

La modalità temporanea si limita ad attivare questo comportamento per impostazione predefinita all’interno di tutte le nuove chat aperte con i contatti – motivo per cui l’opzione si trova tra le impostazioni di WhatsApp relative alla privacy. Anche la modalità temporanea funziona con un interruttore: fino a quando sarà attiva, tutte le nuove conversazioni saranno gestite come chat effimere senza bisogno di specificarlo; una volta spenta la modalità, le nuove chat aperte torneranno a conservare i messaggi al loro interno come avviene di consueto su WhatsApp.

I limiti

La novità arriverà su tutti gli smartphone nelle settimane a…

Leggi pezzo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button