Digital News

Su TikTok Khaby Lame ha superato Dixi D’Amelio e ha più like di Will Smith

Il successo di Khaby Lame sui social non si arresta. Il ragazzo italiano di 21 anni diventato famoso su TikTok per i suoi video comici è ormai a un passo dai 53 milioni di seguaci sulla sola piattaforma di condivisione cinese, e si sta facendo conoscere anche su Instagram. Proprio su TikTok però la sua scalata tra i profili più seguiti in assoluto l’ha portato a un risultato non indifferente: ha superato in popolarità Dixi D’Amelio, arrivando con il fiato sul collo di una celebrità globale come Will Smith.

La storia di Khaby Lame

La storia di Khaby Lame ormai è nota a tutti gli utenti di TikTok e non solo: nato in Senegal, il ragazzo si è trasferito in Italia piccolissimo e da allora vive a Chivasso con i genitori. La pandemia lo ha lasciato senza lavoro, ma il tempo libero che ne è risultato lo ha portato a sperimentare sulla piattaforma di condivisione dove in pochi mesi ha conquistato un seguito di fan contenuto ma leale. È stato pochi mesi fa che una delle sperimentazioni video di Khaby l’ha portato allo stato di celebrità del quale gode ora: le sue clip basate sulle reazioni ai video altrui gli sono valse milioni di nuovi follower al giorno e la curiosità dei mezzi di comunicazione tradizionali.

Risultati spettacolari

Come aveva anticipato a Fanpage.it, Khaby si è presto mosso per cercare un seguito anche su Instagram, dove sta replicando la formula dei video di TikTok che gli è già valsa l’attenzione di altri 12 milioni di persone. Tra questi non mancano i vip: in una delle sue ultime clip il ragazzo si esibisce con il calciatore Alessandro Del Piero in qualità di ospite d’eccezione. A questo punto insomma non stupisce che i video del ragazzo vengano visualizzati decine di milioni di volte ciascuno, anche se vederlo scalare la classifica delle personalità più seguite su TikTok fa comunque un certo effetto.

Più like di Will Smith

Con 53 milioni di seguaci…

Leggi post completo cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button