Digital News

Stavo spiegando una categoria dei porno

Si chiama Sydney, ha 27 anni e probabilmente non avrebbe mai pensato di diventare virale su TikTok a causa di questi due video. Nel corso degli ultimi giorni la giovane tiktoker ha infatti raccolto milioni di visualizzazioni per essere rimasta incastrata all’interno di una sedia pieghevole, da cui non è riuscita a liberarsi se non chiamando i vigili del fuoco. I due video in cui mostra la situazione e l’arrivo dei soccorsi hanno in poco tempo generato un enorme engagement, raggiungendo quasi 10 milioni di visualizzazioni totali. Ad aver fatto nuovamente esplodere il numero di visualizzazioni è stato poi un terzo video dove la ragazza ha spiegato l’imprevedibile motivo per il quale è rimasta incastrata.

Nel primo tiktok, Sydney si mostra incastrata in quella che sembra essere una semplice sedia pieghevole: la giovane tiktoker si deve essere infilata nella parte inferiore della sedia, quella tra i supporti orizzontali delle gambe, incastrandosi con il sedere nello spazio inferiore e non riuscendo più a liberarsi. Nel secondo video, da quasi 8 milioni di visualizzazioni, la ragazza accoglie i vigili del fuoco che, tramite tenaglie e altri strumenti, alla fine riescono a liberarla rompendo uno dei supporti orizzontali. A questo punto, però, molti utenti hanno iniziato a chiedere alla ragazza in che modo fosse finita in quella situazione. La risposta ha stupito molti.

Su TikTok, infatti, Sydney si occupa di un argomento ben preciso: fornisce consigli ai lavoratori dell’industria sessuale (che siano professionisti o amatoriali, su portali come OnlyFans e Pornhub) su lavoro e tematiche relative a questo ambito. In un successivo video, realizzato in risposta a un commento di un utente che chiedeva appunto spiegazioni sulla particolare situazione, la tiktoker ha spiegato che in quel momento stava girando un video su una particolare categoria di video presenti sui portali a luci…

Leggi pezzo integrale cliccando qui


Articolo Originale di Marco Paretti, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button