Digital News

Questa intelligenza artificiale sa fare i cruciverba meglio di ogni essere umano

I giochi sono da sempre un ambito prediletto da scienziati e sviluppatori per allenare programmi e intelligenze artificiali: hanno regole definite che ben si adattano alle strutture degli algoritmi, che a loro volta sono progettati per seguire istruzioni e risolvere problemi. Ora, dopo la conquista del degli scacchi e quella del gioco cinese del Go, una intelligenza artificiale è stata proclamata ufficiosamente campionessa nazionale di cruciverba negli Stati Uniti, battendo centinaia e centinaia di solutori esperti in carne e ossa.

Come funziona il software

Il sistema, battezzato Dr. Fill, è stato ideato da Matt Ginsberg, programmatore amatoriale e appassionato di cruciverba – e in realtà ha già diversi anni di vita alle spalle. Il suo autore lo ha scritto utilizzando tecniche di programmazione avanzate ma classiche, simili a quelle che hanno portato lo scacchista virtuale Deep Blue a battere avversari come il gran maestro Garry Kasparov. Il sistema in sostanza prende in considerazione l’intera griglia di gioco in una volta sola e tiene condo della lunghezza di ciascuna parola prevista nello schema; il software tenta poi di riempire il quadro con tutte le parole nel suo dizionario, utilizzando come indizi solamente i possibili incroci tra una parola e l’altra. A ogni possibile parola viene assegnata una probabilità che sia quella corretta, e quella con il punteggio più alto viene tenuta come valida.

La marcia in più

A rendere praticamente invincibile Dr. Fill è stato però un recente intervento di ammodernamento reso possibile da una collaborazione cercata dal dottor Dan Klein, esperto in intelligenza artificiale e a capo del Natural Language Processing Group dell’università di Berkeley. Gli scienziati del suo team hanno infatti sviluppato un sistema di machine learning nutrito con milioni di definizioni e di risposte pescate da cruciverba pubblicati nel passato. Data…

Leggi pezzo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button