Digital News

Questa cannuccia speciale promette di farti passare il singhiozzo

Il singhiozzo è una condizione medica poco grave ma che può risultare decisamente snervante – soprattutto per chi ne soffre frequentemente e a lungo. Di soluzioni definitive al problema non ne esistono, anche se in tutto il mondo si contano almeno una dozzina di rimedi fai da te per tentare di liberarsi del fastidioso fenomeno. A questi rimedi si è aggiunta da poco una speciale cannuccia ideata da un neurologo, che promette di sconfiggere il singhiozzo con pochi sorsi d’acqua al presentarsi dei primi sintomi. Il dispositivo è già in vendita da mesi, ma in uno studio appena pubblicato ha ottenuto risultati promettenti – seppure tutt’altro che definitivi.

Come funziona la cannuccia

Il gadget si chiama HiccAway, e prima di finire in commercio è stato al centro di una campagna di raccolta fondi organizzata su Kickstarter e terminata con successo. La promessa del resto era allettante: sbarazzarsi una volta per tutte di un problema che secoli di rimedi tradizionali e farmaci moderni non hanno saputo risolvere. Dal canto suo HiccAway viene utilizzato come una qualunque cannuccia, immergendolo in un liquido e aspirando dall’apertura opposta sigillandola con le labbra. Al suo interno però il dispositivo ospita una piccola valvola che oppone resistenza alla suzione, rendendo più difficile l’operazione di aspirazione dei liquidi. Questo ostacolo fa in modo che il diaframma debba contrarsi in modo più marcato per poter bere; lo sforzo, accompagnato al movimento dell’epiglottide che favorisce la deglutizione, dovrebbe stimolare contemporaneamente nervo vago e nervo frenico, premendo un immaginario tasto reset sul meccanismo responsabile delle contrazioni involontarie che chiamiamo singhiozzo.

I pareri di chi l’ha provata

Valutare l’efficacia del dispositivo basandosi sulle recensioni online è difficile: sul sito del prodotto numerosi clienti se ne sono detti soddisfatti, ma…

Leggi articolo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button