Digital News

Prova a rimuovere un neo con un trapano, poi pubblica il video del risultato su TikTok

Per una volta sembra non ci sia bisogno di specificare che l’ultimo consiglio di bellezza diventato virale su TikTok non va seguito assolutamente. La piattaforma di condivisione diffonde incessantemente trucchi e segreti di ogni genere quando si tratta di cura del corpo e del viso, ma la storia di Lilly-Rose Hockley è talmente sintetica e chiara da servire anzi come esempio di ciò che non si deve mai fare in questo senso. La ragazza ha infatti utilizzato un trapano per unghie per tentare di togliersi un neo sul viso, senza però arrivare all’obbiettivo e procurandosi una escoriazione nel tentativo.

Il tiktok dove la ragazza racconta quanto le è accaduto è stato caricato sulla piattaforma già in forma di ammonimento: la didascalia recita “Non consiglio di tentare di trapanarsi via i propri nei”, e il video ritrae la ragazza mentre tenta l’azzardata pratica avvicinando un trapano per unghie a un neo posizionato sulla sua guancia destra. Il materiale ovviamente è stato girato prima di scoprire gli effetti nefasti di un’operazione simile e dura pochi secondi; dopo il primo stacco, il video ritrae Lilly-Ros con il volto ferito dall’azione del trapano.

 

Non c’è bisogno di un dermatologo per immaginare gli effetti che può avere sulla pelle l’azione abrasiva di un trapano pensato per avere a che fare con unghie e calli. La ragazza si è però giustificata in un altro tiktok, dando la colpa di quanto accaduto a Google. Tra i siti segnalati dal portale cercando metodi per rimuovere nei, la ragazza ne ha riportato uno nel quale vengono citate operazioni fai da te assurde come trattamenti a base di iodio o aceto, o addirittura la rimozione con forbici e rasoio. Il sito in questione mette ambiguamente le mani avanti parlando di “metodi di non provata efficacia e potenzialmente pericolosi”, ma per chi legge con poca cognizione di causa non è detto che simili avvertimenti siano…

Leggi post integrale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button