Digital News

Ora i reels di Instagram possono durare fino a 60 secondi

Con la novità arrivata su Instagram in queste ore il processo di avvicinamento del social del gruppo Facebook alla piattaforma rivale TikTok è finalmente completo. A partire da oggi infatti i reels – i video brevi in formato verticale caricati sul social fotografico – possono raggiungere la durata massima di 60 secondi; il limite di durata appena introdotto equipara esattamente questa tipologia di video alle clip ammesse su TikTok, che hanno reso l’app di origine cinese celebre presso un pubblico di giovani e giovanissimi molto ambito per i gestori di Instagram.

All’inizio duravano 15 secondi

La novità è arrivata all’interno dell’app senza particolari annunci. I reels del resto sono stati introdotti all’interno di Instagram ormai quasi un anno fa, anche se al debutto potevano durare appena 15 secondi. A settembre 2020 il limite di tempo per ciascun singolo reel era stato esteso a 30 secondi, ma già allora era chiaro che gli sviluppatori del social avevano intenzione di portarlo al minuto completo.

All’inseguimento di TikTok

Nonostante siano un prodotto ospitato su una piattaforma differente, i video ospitati su Reels molto spesso sono dei tiktok riciclati. Gli autori di questi contenuti sono spesso tiktoker che pubblicano video sull’app cinese e poi esportano il video per riutilizzarlo anche su Instagram: in questo modo con un solo video possono raggiungere due tipologie di pubblico differente. Dal momento però che TikTok consente di registrare clip della durata di un minuto, fino a oggi portare i video più lunghi su Instagram poteva essere macchinoso.

Adeguando il limite di tempo dei suoi reel a quello dei tiktok, Instagram mette insomma il suo prodotto in competizione ancora più serrata con l’avversario cinese, che però nel frattempo sta portandosi ancora più avanti. Un numero ristretto di creator su TikTok ha infatti da qualche tempo la possibilità di…

Leggi articolo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button