Digital News

Non rispondere al messaggio WhatsApp che ti regala una borsa Hermes: è una truffa

Borse Hermès regalate come se niente fosse, in occasione del 184esimo anniversario del marchio. È il pretesto dal quale parte l’ennesima truffa che si sta diffondendo in queste ore attraverso WhatsApp, SMS e altre piattaforme social e di messaggistica: il raggiro tenta di utilizzare l’apprezzato brand del lusso per irretire i più curiosi e portarli su un sito web dove vengono invitati a partecipare a un finto quiz. In palio c’è proprio una delle borse promesse, ma la realtà è che dietro all’iniziativa si nasconde il tentativo di carpire i dati delle vittime.

Come funziona la truffa

Stando alle segnalazioni emerse online dall’Italia e non solo, la truffa si diffonde su social e app di messaggistica istantanea, dove le vittime ricevono i messaggi esca. Il testo anticipa immediatamente che il marchio Hermès celebra il suo anniversario, e che la ricorrenza dà l’opportunità ad alcuni fortunati di vincere un modello che normalmente costa più di 1.000 euro. Chi cade nel tranello può seguire un link in allegato al messaggio, che porta a un sito realizzato per rimandare ai colori del marchio: la procedura all’interno richiede di inserire i dati della propria carta di credito per pagare i costi di consegna. I dati in questo caso non vengono utilizzati per un pagamento vero e proprio, ma vengono sottratti e riutilizzati per altre transazioni che incidono sul conto corrente delle vittime.

Inganni ciclici

Non è la prima volta che Hermès finisce al centro di una truffa, e il motivo è sempre il medesimo: il marchio è di lusso e particolarmente apprezzato, ovvero proprio quel che serve per far saltare i meccanismi di difesa che normalmente fanno diffidare di un regalo promesso via SMS o su una piattaforma di messaggistica. Se in gioco c’è una borsa da migliaia di euro, le potenziali vittime potrebbero essere più propense a correre un rischio percepito come basso. Ormai chiunque…

Leggi articolo completo cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button