Digital News

lo ha superato un canale per bambini

Il celebre youtuber PewDiePie ha perso un’altra posizione nella classifica dei canali più seguiti del mondo sulla piattaforma di condivisione video. Dopo aver dovuto cedere il passo all’etichetta discografica indiana T-Series, il trentunenne svedese idolo di mezza generazione di internauti è stato superato per numero di iscritti da un altro canale che alle spalle racchiude il lavoro di una collettività: si tratta di Cocomelon, marchio anglo-statunitense di video per bambini specializzato in filastrocche musicate. Fatta eccezione per i canali YouTube ufficiali di film e musica, Cocomelon ha conquistato in queste ore la seconda posizione nella classifica dei canali più seguiti su YouTube, forte di 110 milioni di seguaci contro i 109 totalizzati da PewDiePie.

Cos’è Cocomelon, il canale YouTube che ha superato PewDiePie

A chi non ha figli il nome Cocomelon probabilmente non suonerà particolarmente familiare. Il canale è infatti attivo nell’ambito dei contenuti per bambini, e in paticolare produce clip di animazione realizzate con la tecnica della modellazione 3D e basate sul genere delle filastrocche musicate – le cosiddette nursery rhymes. Questo genere di video gode da anni di una popolarità mostruosa e sempre crescente, proprio perchè gli spettatori a cui sono destinati sono numerosi e particolarmete avidi di contenuti.

Sul Cocomelon sono ospitate semplici filastrocche o canzoni per bambini leggermente più complesse, che spaziano tra le tematiche più disparate: si va da veri e propri classici della filastrocca popolare come Baa baa black ship ad argomenti più complessi come l’origine e l’utilità del compost. Protagonista dei video è sempre la stessa galassia di personaggi, nella quale i bambini identificano se stessi e le loro famiglie. Tutti i video sono sottotitolati con una modalità di presentazione del…

Leggi articolo completo cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button