Digital News

la tecnica per ridurre il dolore

Il numero di iscritti a TikTok che hanno già ricevuto una o più dosi del vaccino anti Covid sta aumentando in modo costante ed è gi piuttosto elevato. In effetti – anche se nel nostro Paese le vaccinazioni non sono ancora aperte alle fasce d’età dei più giovani – negli Stati Uniti e in altri luoghi i primi ragazzi e ragazze stanno già ricevendo da tempo le loro prime iniezioni. Per questo motivo sulla piattaforma frequentata prevalentemente da adolescenti e ventenni si stanno diffondendo video i cui protagonisti si mostrano dopo la loro prima o seconda somministrazione mentre roteano energicamente il braccio, con uno scopo ben preciso.

Cos’è l’helicopter arm su TikTok

La tendenza è stata definita helicopter arm o braccio a elicottero; altri modi di chiamarla sono arm swing o semplicemente arm thing, ma in realtà non si tratta di un ballo né una coreografia, bensì di una tecnica che stando agli autori dei video dovrebbe servire a lenire il dolore al braccio che alcuni individui possono provare come effetto della somministrazione del vaccino. Il dolore al braccio in effetti è un sintomo piuttosto comune per coloro che ricevono il vaccino, ma in realtà non si può definire come un vero e proprio effetto collaterale. Si tratta piuttosto di una reazione e normale a due fattori: il primo è l’inserimento di un ago nel braccio dei vaccinandi – un oggetto estraneo al quale il corpo può reagire con una leggera infiammazione dell’area interessata; il secondo è la vera e propria produzione di anticorpi promossa dai vaccini.

 

Posto dunque che il dolore al braccio non è sintomo di nulla di grave, può comunque rappresentare un fastidio che si può effettivamente lenire roteando il braccio come nei tiktok che stanno spopolando tra i vaccinati. A chiarirlo è la testata Yr, che ha interpellato sul tema la dottoressa statunitense Kristamarie Collman: “È una reazione…

Leggi post originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button