Digital News

Khaby Lame ha superato Bella Poarch su TikTok, ora è il terzo profilo più seguito al mondo

Il tiktoker di Chivasso Khaby Lame non ha ancora interrotto il suo percorso di ascesa social che lo sta vedendo protagonista assoluto su Instagram e TikTok. In particolare, sulla piattaforma di condivisione di origine cinese il ragazzo ha appena conquistato un’altra posizione nella classifica degli account TikTok più seguiti del mondo: con poco più di 73 milioni di seguaci raggiunti poche ore fa, Khaby Lame è ora la terza personalità in assoluto più seguita, alle spalle della numero uno incontrastata Charli D’Amelio e della cantante e ballerina Addison Rae.

Il sorpasso su Bella Poarch

Con il salto compiuto nelle scorse ore, il talento comico piemontese di origini senegalesi ha raggiunto un altro vero e proprio fenomeno di TikTok: la modella ventiquattrenne Bella Poarch, che come gli altri tiktoker in cima alla classifica dei più seguiti è arrivata al successo quasi per caso. La ragazza ha incontrato il favore di un quantitativo spropositato di seguaci con delle particolari coreografie nelle quali muoveva il viso a ritmo con la musica che metteva in sottofondo alle sue clip. Dopo aver conquistato decine di milioni di persone in questo modo, Poarch si è poi concentrata su altre tipologie di contenuto, fino a lanciarsi su una carriera musicale che le sta già dando parecchie soddisfazioni.

Il primo posto non è irraggiungibile

L’uscita del suo primo singolo, Build a Bitch, non è bastata a fermare l’inseguimento di Khaby Lame, che da mesi è protagonista di quella che sembra essere una cavalcata senza fine. Se infatti da una parte Bella Poarch non ha smesso di rastrellare nuovi fan sia su TikTok che su YouTube, Khaby Lame ne sta guadagnando semplicemente a ritmo maggiore; se il quantitativo di nuovi seguaci quotidiani dovesse rimanere stabile anche nelle prossime settimane, il ventunenne potrebbe presto raggiungere e superare anche le colleghe Addison Rae e Charli D’Amelio,…

Leggi articolo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button