Digital News

Il tiktoker OpsVivian non ha mai chiesto di restituire i soldi ai suoi benefattori

In questi giorni il mondo di TikTok si sta riprendendo dalla vicenda di OpsVivian, l’utente della piattaforma che – dopo aver fatto credere per settimane a centinaia di migliaia di persone di vivere in condizioni di malattia e indigenza – ha dovuto ammettere che in realtà nel suo racconto non c’era nulla di vero. Come parte della finzione OpsVivian era arrivato a organizzare una raccolta fondi a suo nome nella quale aveva chiesto ai seguaci di inviargli del denaro: ora il ragazzo ha affermato che i soldi richiesti sono stati restituiti, ma a ben vedere l’operazione di storno non è partita da lui bensì dalla piattaforma di crowdfunding che ha scoperto come stavano le cose sul suo conto.

La svolta di OpsVivian

OpsVivian è un influencer di TikTok con circa mezzo milione di follower – molti dei quali sono rimasti convinti per settimane del fatto che il ragazzo fosse sommerso dalle difficoltà economiche. Negli ultimi giorni OpsVivian ha rivelato che i video pubblicati nel corso degli ultimi mesi facevano parte di un esperimento sociale, ma la confessione è arrivata a ridosso con le clip di altri utenti social che avevano iniziato a notare e sottolineare le inconguruenze nei racconti della sua situazione quotidiana. Nel recente colpo di scena il ragazzo ha rivelato di avere origini nobili e ha modificato completamente la natura dei video ospitati sul suo profilo – che ora raccontano il suo stile di vita agiato tra i commenti di chi è rimasto deluso dall’influencer e quelli di chi ha invece deciso di continuare a seguirlo ugualmente.

 

Com’è finita la raccolta fondi

Un aspetto della vicenda è rimasto poco chiaro: quello della campagna di raccolta fondi che il ragazzo aveva organizzato sulla piattaforma GoFundMe e attraverso la quale aveva raccolto denaro dai follower che lo credevano in crisi. Nella sua video confessione il ragazzo ha trattato l’argomento con una…

Leggi articolo integrale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button