Digital News

Il social di Trump (diventato un blog) ha chiuso dopo meno di un mese

Doveva essere un social network alternativo per tutti i sostenitori dei repubblicani e dell’alt right statunitensi; poi si è trasformato in un blog personale con interventi confezionati e pronti da ricondividere e ora è stato chiuso per sempre: la parabola dell’anti-Twitter di Donald Trump si è conclusa in queste ore con l’interruzione delle attività di From the Desk of Donald J. Trump, ovvero l’ultima forma che aveva assunto il progetto. I sostenitori più fedeli dell’ex presidente statunitense si sono accorti già da qualche ora della novità, ma a riferire che il sito non tornerà più online è stata la CNBC, tramite un’intervista a uno dei consiglieri dell’imprenditore.

L’espulsione a gennaio

From The Desk of Donald J. Trump è solo l’ultimo tentativo da parte dell’ex presidente di riuscire a svincolarsi dai social tradizionali per far arrivare la sua voce a milioni di persone senza dover rendere conto di regole e moderazioni. Espulso da Twitter, Facebok, YouTube e qualunque altra piattaforma rilevante dopo l’assalto al Congresso del 6 gennaio, l’ex inquilino della Casa Bianca aveva accusato i gestori di essersi accaniti contro di lui con motivazioni politiche, anticipando che sarebbe migrato presto altrove per far sentire la propria voce. Pochi giorni dopo, una delle destinazioni più probabili, il social alternativo Parler, è stato però espulso a sua volta dagli negozi digitali di smartphone e tablet perché ritenuto inadeguato a moderare posizioni estremiste e violente.

Da social network a blog personale

L’annuncio di Trump di un nuovo social creato da zero è seguito a stretto giro, ma non ha portato a nulla del genere. L’unica soluzione partorita dal team tecnico che assiste l’imprenditore miliardario è stata proprio From the Desk of Donald J. Trump, non un vero social ma un blog che si appoggiava al sito personale di Trump e racchiudeva dichiarazioni dell’ex…

Leggi articolo completo cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button