Digital News

I 5 libri per l’estate consigliati da Bill Gates

Il fondatore ed ex numero uno di Microsoft, Bill Gates, non è più legato da anni alle sorti della società che ha costruito, ma è rimasto comunque coinvolto in progetti che per raggiungere il loro obbiettivo sfruttano sempre tecnologia e innovazione. Gates è anche un lettore accanito, e ogni anno all’avvicinarsi dell’estate regala consigli di lettura considerati preziosi da chiunque segua il settore; quest’anno però le letture dell’ex manager toccano a più riprese un tema di sicuro interesse per chiunque: il rapporto tra la natura e l’uomo, mai così fragile come in questi ultimi decenni.

Il primo libro proposto è Lights Out: Pride, Delusion and the Fall of General Electric, dei giornalisti del New York Times Thomas Gryta e Ted Mannun: è un libro sulla storia di una delle più longeve e colossali aziende statunitensi, la General Electrcic – e in particolare sulle cause che hanno portato al suo fallimento.

Under a White Sky: The Nature of the Future è un saggio scritto da Elizabeth Kolbert e descrive alcuni dei modi in cui il genere umano sta intervenendo sulla natura per cercare di modificarla, dalla geoingegneria alla genetica – “Due argomenti che mi interessano particolarmente”, aggiunge Gates.

Una terra promessa è il primo libro della lista disponibile in italiano, e l’autore è l’ex presidente statunitense Barack Obama: il volume è una autobiografia “insolitamente onesta”, incentrata sul primo mandato del primo presidente nero della storia USA; “Uno sguardo interessante su cosa significhi guidare un Paese in tempi difficili”.

Il sussurro del mondo di Richard Powers è l’unico romanzo nella lista, e “uno dei più inusuali” che Gates abbia mai letto negli ultimi anni. Seguendo le vite di 9 persone e il loro collegamento con la natura e gli alberi che li circondano, il libro è un’ode al rapporto tra umanità e natura e il filo conduttore che lega insieme anche le…

Leggi post completo cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button