Digital News

Fisco: Ocse, patrimoniale? in Italia tassazione alta, migliorare osservanza

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Milano, 01 dic – ‘Il modo
migliore per sostenere le entrate pubbliche e l’equita’ e’
fare si’ che il sistema fiscale funzioni meglio, migliorando
l’adempimento fiscale e limitando le esenzioni, mentre si fa
spazio a riduzioni delle aliquote’. Cosi’ Catherine Mac Leod,
l’economista a capo del Desk Italia all’Ocse risponde – a
Radiocor – a proposito della proposta di una tassa
patrimoniale lanciata da alcuni parlamentari del Pd e di Leu.
‘In vari Paesi si discute nuovamente di tasse sui patrimoni
come strumento per assicurare che le finanze pubbliche siano
su un cammino sostenibile dopo la reazione senza precedenti
alla crisi del Covid-19’, osserva Mac Leod. In Italia, come
in altri Paesi, la crisi ha tagliato le entrate statali,
aumentato la spesa e il rapporto tra debito pubblico e Pil,
ma la Penisola ‘ha un elevato prelievo fiscale, che genera
ampie risorse’ e permette di fornire beni e servizi pubblici.
Tuttavia, un prelievo fiscale alto pesa anche sugli
investimenti e sull’occupazione e puo’ incoraggiare a fare
dichiarazioni dei redditi inferiori alla reale attivita’, il
che aumenta il peso del fisco su quanti invece fanno
dichiarazioni corrette, aggiunge l’economista. In Italia far
funzionare meglio il sistema di tassazione vuol dire anche
‘assicurare che il catasto immobiliare registri meglio il
valore attuale delle proprieta’ e questo permetterebbe alla
tassazione sugli immobili di avere un ruolo maggiore nel mix
delle entrate fiscali. Le tasse sugli immobili pesano meno
sulla crescita e possono favorire l’equita’ piu’ della
maggior parte delle imposte. Aumenterebbe effettivamente il
prelievo sulla ricchezza, ma senza i rischi, i costi e le
difficolta’ nell’implementazione che ci sarebbero con
l’introduzione di tasse patrimoniali’.
Gli-col
(RADIOCOR) 01-12-20 12:07:38 (0340) 3 NNNN
leggi articolo completocliccando qui


Articolo Originale di , pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button