Digital News

Faccio 10.000 euro in un giorno e non voglio più studiare: la confessione della tiktoker

Una delle caratteristiche chiave della piattaforma di condivisione TikTok è il suo algoritmo che è capace di trovare contenuti potenzialmente interessanti tra i milioni pubblicati ogni giorno, a volte proiettando dei perfetti sconosciuti nell’olimpo della celebrità. Qualcosa di simile è successo ad Alicia Breuer una ragazza di circa 17 anni che grazie ai video pubblicati nell’app ora guadagna più di 10.000 euro in un solo giorno, e che per via della fama acquisita non ha alcuna intenzione di proseguire gli studi scolastici fatti fino a qui.

Chi frequenta TikTok probabilmente si è già imbattuto nei video di Alicia: la ragazza del resto vanta 750 mila persone che la seguono stabilmente nell’app, e i suoi video finiscono di quando in quando a superare diversi milioni di visualizzazioni; la sua storia l’ha raccontata il Mirror, che ne ha raccolto la testimonianza. Alla testata britannica, Alicia ha raccontato di aver iniziato a pubblicare video su TikTok come passatempo durante il lockdown; i video sui quali ha puntato maggiormente sono i lip-sync.

 

Questa tipologia di clip è particolarmente comune sulla piattaforma: in questi video i protagonisti recitano o cantano semplicemente muovendo la bocca e lasciando che l’audio arrivi dalla traccia vocale o dalla canzone scelta per il sottofondo. Il talento di Alicia sembra avert toccato le corde di molti: la sua attività su TikTok è partita a giugno e si è conquistata l’ammirazione di decine di migliaia di follower, fino a quando non è stata contattata da un’agenzia che ne ha promosso il lavoro mettendola in contatto con brand dell’abbigliamento o della cosmesi con i quali ora collabora stabilmente.

Le collaborazioni con Lancome, Urban Outfitters, Bershka e molti altri nomi del settore sono legate alle cosiddete transition, un’altra tipologia di clip basata su cambi repentini di inquadratura e nella quale Alicia si mostra in…

Leggi pezzo integrale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button