Green e sostenibilità

Economia circolare, Posidonia purificata e trasformata in compost

articolo di di Daniela Russo pubblicato su di Daniela Russo

ambiente e finanza

È il progetto “Rispetta il tuo Capitale” promosso dall’associazione Marevivo e finanziato da Pramerica Sgr. Ripulito un chilometro di spiaggia di Marina di Cecina

di Daniela Russo

Tartaruga soccorsa dopo avere ingerito un palloncino: video choc

È il progetto “Rispetta il tuo Capitale” promosso dall’associazione Marevivo e finanziato da Pramerica Sgr. Ripulito un chilometro di spiaggia di Marina di Cecina

3′ di lettura

Centocinquanta tonnellate di Posidonia (un genere di pianta acquatica) spiaggiata separata dalla sabbia, purificata dai rifiuti antropici e trasformata in compost. Trecentoventi tonnellate di sabbia depurata e riportata sulla spiaggia di provenienza. Dieci tonnellate di rifiuti antropici derivati dal trattamento e smaltiti correttamente. Sono i numeri della prima fase del progetto “Rispetta il tuo Capitale”, promosso dall’associazione ambientalista Marevivo e sostenuto da Pramerica Sgr.

L’iniziativa, articolata in tre momenti, ha l’obiettivo di valorizzare il ruolo della Posidonia oceanica nella salvaguardia della biodiversità del Mediterraneo e misurare il benessere percepito e il valore aggiunto di tale iniziativa non solo per gli individui, ma per tutta l’economia del territorio.

La spiaggia di Cecina e l’economia circolare

Gli interventi hanno interessato un chilometro della spiaggia Le Gorette nell’area di Marina di Cecina, in Toscana, e consentono, da un lato, il pieno riutilizzo delle risorse utili per l’ambiente e, dall’altro, il corretto conferimento dei rifiuti rinvenuti durante le operazioni.
«Il progetto – spiega Beatrice del Balzo, consigliere di Marevivo – si propone di contribuire all’arresto dell’erosione costiera, restituendo la sabbia al suo luogo di appartenenza, e allo stesso tempo di favorire l’adozione di modelli economici circolari, con la Posidonia recuperata trasformata in compost e i rifiuti smaltiti secondo i principi della raccolta differenziata. Inoltre, stiamo portando avanti una battaglia per consentire l’uso della Posidonia come duna, oggi vietato a causa di paradossi burocratici. Una volta trattata e ripulita, infatti, pur essendo biologicamente compatibile con la funzione, viene etichettata come rifiuto, impedendone l’uso come barriera protettiva».

La seconda fase del progetto

Nel mese di luglio partirà la seconda fase del progetto, quella subacquea che prevede il recupero di rifiuti, relitti e reti fantasma dal fondale. La fase conclusiva, invece, in programma a ottobre, coinvolgerà due università italiane e consentirà di calcolare la variazione di benessere sociale associata alle nuove modalità di pulizia delle spiagge e di trattamento della Posidonia oceanica.

Protagonisti della fase di analisi saranno il Centro GREEN (Geography, Resources, Environment, Energy and Networks) dell’Università Luigi Bocconi di Milano, diretto da Marco Percoco, e il DISTAV (Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita) dell’Università degli Studi di Genova, con Monica Montefalcone.


fonte – tutti i diritti riservati all’autore

Show More

Redazione DReporter

Il Team di Redazione è composto da vari collaboratori e freelancers ognuno dei quali in focus sull'argomento trattato

Articoli Suggeriti per Te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button