Digital News

Ecco come sarebbero i Vip se fossero personaggi Pixar

Tra i filtri fotografici che riscuotono puntualmente più successo ci sono quelli capaci di trasformare i volti dei soggetti in personaggi dei cartoni animati. Non stupisce dunque il successo dell’ennesima trovata di questo tipo: un filtro che sta spopolando su TikTok e che permette di girare brevi video prendendo in prestito i connotati tipici dei cartoni animati in 3D dello studio di animazione Pixar. Il prodotto in realtà è stato realizzato dagli sviluppatori di Snapchat, ma il motivo per cui si è diffuso viralmente è proprio il suo utilizzo all’interno della piattaforma di condivisione. E mentre migliaia di utenti stanno mostrando ai loro seguaci come sarebbero se fossero un cartone animato Pixar, ecco invece come uscirebbero dal medesimo trattamento alcuni dei personaggi famosi del panorama dei VIP italiano (e non solo).

Dalle celebrità nostrane di stampo più classico come le personalità televisive Pippo Baudo e Maria de Filippi a fenomeni della Rete dal successo fulminante e recente, come Khaby Lame; dagli influencer più affermati sul panorama italiano – Chiara Ferragni e Fedez – al ritorno sulla scena più chiacchierato degli ultimi mesi – Orietta Berti. Di tutti, l’algoritmo preserva alcune delle fattezze più caratteristiche accentuando alcuni aspetti del volto. Il sistema non è sempre precisissimo e in alcuni casi produce risultati decisamente generici, ma la maggior parte delle volte restituisce immagini riconoscibili eppure nel tipico stile dello studio californiano.

Utilizzare il filtro è semplice e per una volta non richiede di scaricare software appena nati e dalla dubbia origine. Gli algoritmi sono infatti stati realizzati dal team di sviluppo di Snapchat, e si utilizzano all’interno dell’app di messaggistica effimera. Per trovarli e utilizzarli basta seguire questa semplice guida, con la quale è possibile scattare foto e girare video in tempo…

Leggi pezzo integrale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button