Digital News

Da oggi l’Assistente Google canta la Canzone del vaccino a chi si è vaccinato

Da oggi, tra le numerose funzioni utili dell’Assistente Google presente su smartphone e dispositivi di domotica, se ne aggiunge una priva di particolare senso pratico ma comunque significativa. Chiedendo all’assistente digitale di cantare la Canzone del vaccino, la voce del software si produrrà in un inno all’importanza dei ritrovati anti Covid in via di disitribuzione in tutto il mondo da dicembre dell’anno scorso. La novità è stata introdotta negli scorsi giorni per gli anglofoni ed è stata scoperta solamente poche ore fa dai primi utenti che ne hanno pubblicato alcune testimonianze sui social.

Le abilità canore dell’Assistente Google non sono una novità: queste funzioni vengono preregistrate parallelamente al sistema che di norma fornisce risposte estemporanee utilizzando un motore di sintesi vocale. Già fino ai giorni scorsi il sistema poteva esibirsi in alcune filastrocche e canzoni popolari riprodotte con la sua robotica voce, e a questi motivetti ora si è aggiunta una sorta di omaggio ai vaccini anti Covid e ai loro ricercatori.

Perché Google ha lanciato la Canzone del vaccino

La Canzone del vaccino non arriva in un momento casuale, anzi è stata messa a disposizione in una fase potenzialmente cruciale della campagna che sta procedendo spedita negli Stati Uniti. Con l’aumentare della reperibilità delle dosi di vaccino, il problema negli USA sta iniziando invece a diventare la disponibilità delle persone a farsi vaccinare. A dispetto di come può suonare, la situazione è invidiabile solo fino a un certo punto – perché l’agognata immunità di gregge tra la popolazione va raggiunta nel minor tempo possibile, per evitare che tra i non vaccinati si sviluppino varianti di Covid-19 immuni al vaccino.

Operazioni come la Canzone del vaccino di Google o il badge sulla foto profilo di Facebook vanno dunque viste come modi per migliorare la percezione dei vaccini anche…

Leggi pezzo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button