Digital News

Crea un filtro che tatua una svastica sul braccio, ma per Instagram non viola le regole

La creatrice del filtro si è difesa spiegando che in molte culture la svastica ha una connotazione positiva, e di averla inserita insieme ad altre rappresentazioni che veicolano messaggi del medesimo tenore. Il contenuto è stato però criticato a tal punto da portarla a modificare il filtro per rimuovere il simbolo.

Quello dei contenuti che incitano all’odio è un problema comune a tutte le piattaforme social, motivo per cui ciascuna di queste realtà dovrebbe pensare a contromisure adeguate in risposta al fenomeno. Instagram sembra avere ancora problemi in merito: sul social network negli scorsi giorni ha infatti acquistato trazione un filtro fotografico che applica ai protagonisti diversi tatuaggi in tempo reale, compreso quello di una svastica. Il contenuto è stato criticato a tal punto da portare la creatrice dell’effetto a modificarlo per rimuovere il simbolo considerato offensivo, il tutto però senza che i moderatori dell’app intervenissero a priori né a posteriori.

Le prime denunce in merito al filtro in questione sono arrivate dagli utenti Instagram che vi si sono imbattuti. Il prodotto si chiama Old School, si può reperire ancora adesso tra i filtri fotografici dedicati alle storie di Instagram e utilizza intelligenza artificiale e fotocamera del telefono per applicare in tempo reale dei motivi grafici sulla pelle dei soggetti inquadrati. L’effetto è quello di tatuaggi che ricoprono ogni parte del corpo, anche se tra le grafiche – hanno fatto notare gli utenti – è nascosta in modo inequivocabile anche una svastica. In una delle storie Instagram, l’utente Sabrina Zohar ha raccontato la vicenda e ha chiesto a tutti i suoi 17.000 follower di spargere la voce, ma le segnalazioni…

Leggi post originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button