Digital News

Cos’è Sorare, il fantacalcio con figurine virtuali che puoi scambiare con soldi veri

Sono sempre di più le squadre anche italiane che stanno entrando a far parte del mondo di Sorare, un portale dedito a una versione particolare di fantacalcio nella quale a ogni giocatore corrispondono figurine disponibili in quantità limitate e acquistabili tra i partecipanti. In questi giorni altri 5 team del campionato di Serie A nostrano hanno concesso ai gestori del portale la licenza di utilizzare i nomi e le fattezze dei loro giocatori per crearne i profili che saranno scambiati dai fantallenatori iscritti al portale: si tratta di Cagliari, Sampdoria, Verona, Udinese e Genoa, che si aggiungono a Inter, Milan, Juventus, Lazio, Napoli e Roma e portano a 11 il numero totale di squadre della massima serie italiana incluse nel gioco.

Come funziona Sorare

Fondato dall’omonima startup francese, Sorare è un portale dove si gioca a fantasy football, ovvero fantacalcio: gli allenatori virtuali iscritti a Sorare competono in un torneo globale nel quale possono schierare i loro giocatori preferiti, le cui prestazioni sono basate sui match che questi disputano nel mondo reale.

La differenza principale con il fantacalcio di tipo tradizionale è una: i giocatori sono legati a doppio filo a figurine virtuali, ciascuna delle quali è numerata e abbinata a un certificato digitale chiamato NFT che garantisce il possesso della carta virtuale al proprietario. La rosa totale, insieme a quella delle squadre italiane coinvolte finora, include quelle di altri 135 team europei, statunitensi e asiatici.

Risorse limitate

La tecnologia di autenticazione delle figurine poggia sulle stesse basi di quelle delle criptovalute come Bitcoin ed Ethereum, ma ai giocatori basta sapere una cosa: tramite questo sistema è garantito al 100 percento che il numero di figurine in circolazione di un dato giocatore è limitato. Come avviene per le normali figurine da collezione, determinati calciatori sono più rari…

Leggi post originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button