Digital News

cos’è e come si usa

L’ultima tendenza diventata virale su TikTok non richiede particolari abilità se non un po’ di creatività e di espressività: si tratta di un filtro in realtà aumentata, che si chiama Corsa a Versailles e che mette i protagonisti nei panni di una dama del 1700 intenta in una corsa infinita proprio nella reggia che fu residenza del re Luigi XIV e dei suoi successori. Realizzato in modo piuttosto semplice, il filtro ha però conquistato immediatamente un numero impressionante di utenti, dando vita a contenuti che in pochi giorni sono stati visti più di 300 milioni di volte.

Cos’è il filtro Corsa a Versailles

Il filtro è un effetto in realtà aumentata disponibile su TikTok che si può selezionare a questo indirizzo. Come molti filtri in realtà aumentata, utilizzarlo mette in sovrimpressione sullo schermo degli elementi generati dagli algoritmi, facendoli interagire con quel che viene ripreso dalla fotocamera. Nella fattispecie il filtro usa la grafica 3D per generare un labirinto di corridoi e stanze che si dipana velocemente attorno al punto centrale dell’inquadratura, dove invece è presente una dama che si regge la lunga veste per poter correre al massimo della velocità; la ragazza indossa una parrucca in stile settecentesco e al posto del volto ospita un varco, che va riempito con il volto del protagonista del tiktok.

 

Si tratta in sostanza di una maschera al contrario, che proietta gli autori delle clip in corse sfrenate che li fanno apparire terribilmente affannati. La corsa e l’ambientazione barocca, insieme con le espressioni del volto che rimangono a discrezione dei tiktoker, stanno facendo la fortuna di questo effetto che dal punto di vista tecnico lascia abbastanza a desiderare. La realizzazione delle ambientazioni in effetti non è particolarmente accurata, e in ambientazioni non perfettamente illuminate il filtro può perdere di vista il volto del…

Leggi post integrale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button