Digital News

Cosa significa wesh su TikTok e Twitter

In questi giorni su TikTok, Twitter e altri social sta iniziando a diffondersi anche tra gli utenti italiani un’espressione particolare apparentemente priva di significato: si tratta di wesh, che tiktoker diversi utilizzano legandola spesso a significati diversi. L’ambiguità attorno al suo utilizzo non le ha impedito di diffondersi a macchia d’olio tra gli utenti del social, e anzi potrebbe aver fatto da propellente per la sua viralità. In realtà però la parola ha un luogo di origine e una storia ben precisi.

Wesh è una parola parecchio utilizzata nello slang hip hop francese, che a sua volta l’ha presa in prestito dall’arabo algerino. Si tratta in origine di un avverbio che si può tradurre con “come” in frasi di tipo interrogativo, ma che da solo non significa molto. Per essere utilizzato correttamente, wesh va utilizzato in accompagnamento ad altre parti del discorso che gli conferiscono significato: se “wesh kayn” vuol dire “chi c’è?”, “wesh rakh” vuol dire invece “come va?”. Quest’ultimo significato ha iniziato a rappresentare nello slang uno degli utilizzi più frequenti del termine, attraverso il quale ci si saluta tra amici o conoscenti.

 

“Come va” è però soltanto una delle possibili traduzioni di wesh, che non per niente viene utilizzato in numerosi altri contesti; fermarsi a intenderlo in questo modo porta dunque inevitabilmente a incomprensioni linguistiche. Dopo essere diventato popolare anche in Francia, l’utilizzo del termine è infatti esploso fino ad assumere numerosi significati e diventare un modo di rimarcare un’affermazione e perfino una parola riempitiva da interpretare a seconda del contesto nella quale viene utilizzata. Wesh si può insomma utilizzare per esprimere assenso a una frase o a quanto sta succedendo, ma anche sorpresa o contrarietà. Il salto all’italiano sta avvenendo anche attraverso il prestito contratto dagli utenti nostrani di…

Leggi articolo integrale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button