ComunicazioneLibri

Comunità sociale e comunicazione digitale: il ruolo della resilienza

Alfabetismo digitale, empatia e resilienza: un connubio perfetto all'interno della Knowledge Era

Indiscutibile è il ruolo che sta rivestendo sempre di più la comunicazione sociale nell’ambito delle varie comunità fisiche ma, soprattutto, digitali.

Il ruolo della conoscenza e della percezione sono i valori fondanti e fondamentali per instaurare una buona comunicazione sociale e per lo sviluppo di un approccio alla relazionalità ed alla resilienza.

Ma che cos’è la comunicazione sociale e che ruolo ha la resilienza?

Molti autori e studiosi accademici e non hanno sviluppato, in diversi scritti, le proprie riflessioni in merito.

Scopriamo in questa guida cos’è la comunicazione sociale e che ruolo rivestono le nuove tecnologie all’interno dei flussi comunicativi.

Comunicazione sociale: definizione ed obiettivi

Sebbene, l’argomento della comunicazione sociale sia di moda e di grande portata innovativa, in letteratura non tutte le definizioni di comunicazione sociale sono adatte a descrivere in maniera certosina ed olistica ciò che sta alla base della complessità disciplinare.

A nostro avviso, la migliore definizione di comunicazione sociale è la seguente “è uno strumento di conoscenza e di persuasione utilizzato da soggetti pubblici e privati per coinvolgere la persona (cittadino, consumatore, donatore) e spingerla all’azione, rendendola partecipe dei problemi ma anche delle soluzioni“.

In sintesi, dalla definizione sopra riportata, si possono ascrivere i seguenti obiettivi della comunicazione sociale:
1) informare la community: portare all’attenzione del pubblico un progetto sociale, un intervento da condividere, un’azione responsabile ed un’innovazione tecnologica,

2) persuadere l’interlocutore: “argomentare” attraverso dati, ricerche, testimonianze utili a dimostrare la veridicità di quanto comunicato,

3) motivare i destinatari del flusso di comunicazione: proporre nuovi modelli di comportamento, oltre a modificare concezioni errate.

Chi realizza la comunicazione sociale?

I soggetti che attivano i flussi di comunicazione sociale sono ascrivibili alle seguenti categorie:

  • imprese di ogni dimensione che realizzano campagne per sottolineare l’impegno sociale verso l’ambiente e la collettività (Corporate Social Responsability).
  • Pubblica Amministrazione, si pensi a come i Ministeri e gli Enti Locali attivano flussi di comunicazione sociale con lo scopo di educare e di sensibilizzare i cittadini su temi diversi di interesse sociale.
  • ONG, il Terzo settore sensibilizza la comunità al fine ultimo di raccogliere fondi (crowdfunding) che costituisce la fonte di finanziamento principale per molte organizzazioni non profit.

La comunicazione sociale è il motore delle attività per procedere con il cambiamento di idee e di comportamenti radicati nell’immaginario collettivo della community.

Ecco perchè la resilienza si inserisce come approccio fondamentale per intervenire sulle lacune di percezione e di comportamento di ogni individuo e della community di riferimento.

Il ruolo della resilienza nella comunicazione

La vita nei sistemi dinamici viene definita da Zygmut Bauman, ne il suo capolavoro “Modernità liquida” (2011) come “una vita precaria, vissuta in condizioni di continua incertezza” in cui il futuro sembra essere sempre più costruito artificiosamente per non durare troppo a lungo.

Per essere utili agli altri, è necessario continuare ad allenarci alla resilienza che ci consenta di resistere agli urti.

La resilienza è definibile come la capacità di una comunità locale di rispondere ai alle situazioni di crisi e di incertezza (come richiamato sopra da Bauman), attraverso una inclusione attiva delle persone più disagiate della popolazione (disabili, anziani e nuovi cittadini migranti), analfabeti digitali, all’interno della comunità sociale e digitale.

Il web e la rivoluzione sociale e tecnologica permettono ad intere comunità di cyber-utenti di condividere la propria conoscenza (Knowledge Era). In tale modo, è possibile far capire in che modo le nuove tecnologie digitali possono essere utilizzate a proprio vantaggio ed arricchire il ruolo di ogni cittadino nel costruire una società migliore.

Forum, community e social media generano una rilevantissima mole di informazioni che estendono le opportunità di generare e condividere conoscenza.

E’ la stessa variabile tecnologica che spinge ognuno di noi verso la resilienza, ci offre la possibilità di relazionarci con altri individui nella ricerca e nella produzione delle informazioni di grande valore aggiunto.

Essere alfabetizzati dal punto di vista digitale, consente ad ogni soggetto di rendersi ubiqui ed empatici verso gli altri.

E’ questo lo spirito che deve permeare la cultura e la società di ogni Sistema-Paese al fine ultimo di costruire infrastrutture tecnologiche sulle quali si baserà il futuro dell’umanità aumentata.

Tags
Show More

Related Articles

2 thoughts on “Comunità sociale e comunicazione digitale: il ruolo della resilienza”

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker