Digital News

Come funziona DeepDub e perché non potrà sostituire i doppiatori

In un Paese come il nostro, dove il doppiaggio è da sempre considerato un lavoro artigianale e artistico, ha fatto giustamente scalpore l’esistenza di DeepDub, uno strumento sviluppato da una startup israeliana che usa l’intelligenza artificiale per doppiare attori e narratori in film, serie TV e documentari e farli parlare in ogni lingua con il timbro dei proprietari. Il network del doppiaggio nostrano Vix Vocal ha raccolto in questi giorni le voci di alcune superstar del panorama italiano per una campagna a salvaguardia della professione; la realtà però è che, almeno per come è strutturato al momento, DeepDub non rappresenta un pericolo per i doppiatori.

Cos’è DeepDub

Nato in Israele nel 2019 dall’omonima startup, DeepDub è uno strumento che utilizza l’intelligenza artificiale per svolgere in autonomia svariati compiti, tra i quali due sono fondamentali: da una parte ascoltare il parlato delle persone che registrano la propria voce per cogliere gli aspetti salienti del timbro e della tonalità; dall’altra utilizzare queste informazioni per sintetizzare nuovi suoni con le medesime caratteristiche, in modo che sembrino provenire dalle stesse corde vocali. Il risultato è un modello vocale che va poi fatto parlare con traduzioni offerte da algoritmi di traduzione e poi perfezionate da correttori di bozze in carne e ossa per evitare che il senso di alcune parole si perda nella traduzione automatica.

La domanda non manca

La potenziale domanda per una tecnologia simile non manca: con l’avvento delle piattaforme di streaming, tutti i contenuti audiovisivi hanno infatti potenzialmente trovato un sistema di distribuzione globale. Il passaggio successivo a questo sono i servizi di localizzazione, che rendono show e film fruibili ovunque: il doppiaggio in particolare rende i contenuti stranieri decisamente più allettanti…

Leggi post originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorenzo Longhitano, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button