Digital News

come avere le skin di Rambo e Die Hard

La serie di Call of Duty omaggia sempre più gli anni ’80 con un grandioso evento chiamato “Eroi”. Su Black Ops Cold War, Warzone e Mobile arrivano infatti due icone del cinema d’azione del passato: Rambo di Rambo 2 – La vendetta e John McClane di Die Hard. Persino la nuova mappa, Verdansk ’84, celebra i due eroi con nuove location, tra cui la particolare Nakatomi Plaza tratta dal già citato Die Hard e il Survival Camps ispirato invece alla pellicola Rambo 2. L’evento Eroi porta nuove missioni nella modalità a tempo su Call of Duty: Black Ops Cold War; nuovi punti di interesse e missioni inedite sul battle-royale Warzone; una nuova modalità multiplayer per Call of Duty Mobile. Il tutto con skin, medaglie, armi a tema cinema anni ’80. Tutto ciò è disponibile su tutte le piattaforme di gioco, quindi PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X|S e PC. Nel caso di Call of Duty Mobile, il titolo e i suoi aggiornamenti sono disponibili su tutti i dispositivi mobili.

Ma non è finita: oltre ai contenuti legati agli eroi di Rambo 2 e Die Hard, con il nuovo aggiornamento di metà-stagione sono disponibili alcuni contenuti specifici per Call of Duty: Black Ops Cold War, tra cui una nuova mappa multigiocatore 6v6 (Standoff), una nuova mappa Multi-Team (Duga) e una nuova modalità Multi-Team a eliminazione. A tutto questo si aggiungono particolari armi, come il leggendario Coltello Balistico e l’Arco da battaglia. Novità anche per la modalità Zombie: in Epidemia vi è una missione che prevede un incontro sugli Urali con la temibile Orda, dietro cui si nascondono segreti e sorprese da scoprire.

Nonostante il problema dei cheater che attanaglia l’universo multiplayer di Call of Duty, in particolare Warzone (di questo ne abbiamo parlato con lo streamer e pro-player Pow3r), la serie gode di ottima salute. Con l’arrivo della Stagione 3, il battle-royale ha tagliato il traguardo di 100 milioni di…

Leggi articolo originale cliccando qui


Articolo Originale di Lorena Rao, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button