Digital News

Audi We Generation, terza stagione: i segreti del videomaking con Klaus

Il creator digitale romano dispensa buoni consigli, dall’ideazione alla produzione, per tutti coloro che ambiscono a diventare i prossimi youtuber di successo

La creatività espressa nel formato video non è in assoluto una prerogativa della We Generation; in ogni generazione c’è chi spicca il volo artistico partendo da una personale visione per immagini. Ma a differenza di quanto accadeva in passato sono cambiati i mezzi per creare, condividere e ricevere feedback, e al tempo stesso le motivazioni per cui si crea: la generazione Z infatti ha messo se stessa al centro del racconto, alimentando connessioni sempre più mirate con il suo pubblico e fissando l’asticella dell’emulazione a un’altezza possibile. Insomma, tutti vogliono essere youtuber o streamer.
Ma come si realizza un video di successo, in grado non solo di trasmettere l’idea di partenza ma di diventare anche virale e significativo per una intera community? I protagonisti della nuova stagione del progetto Audi We Generation fanno tappa nell’hub della piattaforma di innovazione H-Farm, che partecipa anche quest’anno all’iniziativa della casa automobilistica, per un confronto con Tudor Laurini (anch’egli protagonista di questa nuova stagione come guida e host). Con oltre 1 milione di iscritti sul suo canale Youtube, Laurini, in arte Klaus, è tra i content creator italiani più popolari.
Il creativo digitale rivela quali sono i segreti per realizzare ottimi video: il punto di partenza è una domanda, il bisogno di raccontare un punto di vista sul mondo o la voglia di reinterpretare qualcosa di già visto. Il processo creativo quindi resta altamente soggettivo ma poi spetta al creator digitale scendere quali messaggi inviare in una chiave leggere ma non superficiale, in un mondo dove tutti possono produrre contenuti ma solo alcuni riescono davvero a comunicare.
I creator della generazione Z possono realizzare video di qualità con strumenti alla portata di tutti, come lo smartphone, ma anche con mezzi che aggiungono nuove prospettive, come i droni. Ma la tecnica non è tutto: ci vuole ritmo per catturare l’attenzione di chi guarda e convincerlo a restare, a fronte di un’offerta monstre che va in scena su tutte le piattaforme ogni giorno.
Tanti buoni consigli, quindi, quelli di Klaus per i protagonisti di Audi We Generation in viaggio on the road a bordo della nuova Audi A1 citycarver ma anche per tutti quelli che guarderanno da più lontano, vogliosi di osservare e apprendere.

Potrebbe interessarti anche

leggi articolo completocliccando qui


Articolo Originale di Maria Rosaria Iovinella, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button