Green e sostenibilità

Appello delle BCorp a imprese e istituzioni: «Scegliete ora la sostenibilità»

modelli di business

Il movimento delle BCorp cresce in Italia e lancia una campagna per coinvolgere i consumatori sulle missioni ambientali e sociali

di Alessia Maccaferri

Inghilterra (Agf)

Il movimento delle BCorp cresce in Italia e lancia una campagna per coinvolgere i consumatori sulle missioni ambientali e sociali

3′ di lettura

Qualche settimana fa ci aveva pensato il ceo mondiale di Danone a dare il ritmo al paradigma della sostenibilità. Emmanuel Faber aveva affermato di voler trasformare il colosso del food in BCorp entro il 2025, perché «Covid19 è ragione valida per accelerare il percorso verso obiettivi di impatto ambientali e sociali». E proprio ieri è arrivato un annuncio che conferma le intenzioni: Danone, Mellin e Nutricia hanno ottenuto la certificazione Bcorp in Italia. Come aveva fatto nei giorni scorsi Novamont.

Queste new entry saranno tra le 50 imprese italiane che partecipano alla campagna Unlock The Change per chiedere alle aziende stesse e alle istituzioni di accelerare verso un sistema economico e di business sostenibile, che rigeneri la società e l’ambiente.

Coronavirus, Von der Leyen: “Green deal e’ bussola per ricostruire economia”

«Il momento di incertezza che stiamo attraversando deve essere necessariamente un punto di partenza per un cambiamento radicale: solo insieme possiamo uscire da questa situazione migliori di prima, lavorando per il bene delle persone e del pianeta» commenta Paolo Di Cesare, co-fondatore di Nativa, country partner del movimento internazionale delle B Corp. Si tratta di oltre 3.400 imprese a livello mondiale – da Patagonia a Ben &Jerry’s – tra cui un centinaio in Italia che si impegnano a raggiungere performance ambientali e sociali, ottenendo così la certificazione.

La campagna prende il via con Time to B, summit virtuale con protagonisti 50 leader di aziende, membri della comunità scientifica e accademica, e personalità di rilievo nel mondo della sostenibililità. Unlock the change è una call to action per invitare il pubblico a chiedere un impegno più forte e concreto da parte delle aziende nel contribuire a migliorare la vita delle persone, la società e l’ambiente. I consumatori verranno invitati a consultare il sito unlockthechange.it, informarsi sulle iniziative e l’impegno delle B Corp.

Oltre 500 benefit

«L’interesse per le benefit è coerente con i trend internazionali dalla lettera agli azionisti di Larry Flint ceo di BlackRock al green deal europeo. Con il Covid c’è stata solo un’accelerazione di un trend positivo iniziato da tempo: ora non passa giorno che non mi contatti qualche grande azienda interessata a trasformarsi in benefit» commenta l’onorevole Mauro Del Barba, promotore della legge italiana sulle benefit, primo paese al mondo nel 2016. Peraltro l’ultimo decreto Rilancio ha stanziato 3 milioni e ha riconosciuto il credito di imposta al 50% per la costituzione o la trasformazione in società benefit. Attualmente sono all’incirca 500, tra cui grandi aziende come Illy e Chiesi. «Dobbiamo continuare questo lavoro diffusione del modello benefit. Per esempio stiamo dialogando con Utilitalia e diverse utility affinché avviino la trasformazione, occupandosi di beni pubblici come gas, acqua, rifiuti»spiega Del Barba che è presidente Assobenefit.


Articolo di di Alessia Maccaferri pubblicato a questo indirizzo. e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.


Show More

Redazione DReporter

Il Team di Redazione è composto da vari collaboratori e freelancers ognuno dei quali in focus sull'argomento trattato

Articoli Suggeriti per Te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button