Food & Wine

Anpal lancia l’app che mette insieme domanda e offerta di lavoro sui campi

AGRICOLTURA

L’applicazione gratuita “Resto in campo” che si rivolge sia alle aziende agricole in cerca di manodopera, sia ai lavoratori agricoli disoccupati, è disponibile in 5 lingue

di L.Ben.

Un lavoratore impiegato alla cooperativa di San Lidano a Latina, (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

L’applicazione gratuita “Resto in campo” che si rivolge sia alle aziende agricole in cerca di manodopera, sia ai lavoratori agricoli disoccupati, è disponibile in 5 lingue

2′ di lettura

L’emergenza manodopera in agricoltura non è finita. Sebbene sia partita la sanatoria prevista dal decreto Rilancio e siano stati lanciati diversi strumenti per favorire l’intermediazione tra domanda e offerta, (come la piattaforma AgriJob) le professionalità scarseggiano. Soprattutto quelle legate a colture di ortaggi specifici o la vite che ha bisogno di lavoratori iper specializzati. E’ con l’ obiettivo di contribuire a colmare questo gap che è nata l’app ‘restoincampo’, sviluppata da Anpal (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) in collaborazione con il ministero del Lavoro, scaricabile gratuitamente per tutti i dispositivi in 5 lingue (italiano, inglese, francese, rumeno, punjabi).

“Resto in Campo”si rivolge soprattutto alle aziende agricole in cerca di manodopera che potranno inserire offerte di lavoro, aggiungere posizioni lavorative ricercate, ricercare lavoratori disponibili, visualizzare le candidature ricevute e contattare il lavoratore. Il servizio è utile anche ai lavoratori agricoli in cerca di occupazione che potranno inserire le competenze e le disponibilità sul territorio, cercare un’offerta di lavoro e inviare la propria candidatura. L’app può essere anche uno strumento per i giovani che cercano un lavoro stagionale e per i percettori di sussidi poiché è integrata con il sistema Dol (Domanda e offerta di lavoro), accessibile da MyAnpal anche agli operatori dei centri per l’impiego e a tutti i soggetti accreditati all’intermediazione del mercato del lavoro, inclusi gli enti bilaterali dell’agricoltura se iscritti all’Albo di Anpal.

Un’applicazione, spiega il presidente Comagri Filippo Gallinella, che “rappresenta una grande opportunità, come richiesto da tempo, per rispondere efficacemente alle esigenze del settore agricolo e fronteggiare il fabbisogno di manodopera, data anche la stagione cruciale alle porte per i cicli produttivi”. “’Restoincampo’ – prosegue Gallinella – si rivolge sia alle aziende in cerca di manodopera, che potranno inserire offerte di lavoro, aggiungere le posizioni lavorative richieste, ricercare lavoratori disponibili, visualizzare le candidature ricevute e contattare il lavoratore, sia ai lavoratori agricoli in cerca di occupazione, che potranno inserire le competenze e le disponibilità sul territorio, cercare un’offerta di lavoro e inviare la propria candidatura. Oltretutto, è anche un’opportunità per i giovani che cercano un lavoro stagionale e per i percettori di sussidi, poiché la versione 2.0 dell’app è completamente integrata con il sistema Dol (Domanda e offerta di lavoro), accessibile agli operatori dei Centri per l’impiego e a tutti i soggetti accreditati all’intermediazione del mercato del lavoro, inclusi gli enti bilaterali dell’agricoltura se iscritti all’Albo di Anpal”. “Con questa app abbiamo finalmente uno strumento rivoluzionario e veloce per rispondere fattivamente alle esigenze attuali e future del settore agricolo”, conclude Gallinella.(


questo articolo è stato scritto da di L.Ben. a questo indirizzo. e qui ripubblicato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More

Redazione DReporter

Il Team di Redazione è composto da vari collaboratori e freelancers ognuno dei quali in focus sull'argomento trattato

Articoli Suggeriti per Te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button