Food & Wine

Amadori, il giro d’affari supera 1,3 miliardi e ora investe in salumi

SETTORE AVICOLO

La crisi da Covid 19 ha toccato solo marginalmente uno dei primi gruppi del comparto alimentare che prevede di investire 250 milioni nel triennio

di Silvia Marzialetti

La crisi da Covid 19 ha toccato solo marginalmente uno dei primi gruppi del comparto alimentare che prevede di investire 250 milioni nel triennio

2′ di lettura

Fatturato 2019 a quota 1,3 miliardi (in crescita del 3,9% rispetto al 2018), 250 milioni di investimenti per il triennio 2020-2022 e un piano industriale in arrivo entro il mese di ottobre. La crisi dei consumi innescata dal Coronavirus ha toccato marginalmente Amadori, azienda leader del comparto alimentare, specialista del settore avicolo, con una quota di mercato del 27% a volume nella grande distribuzione.

Vendite stabili

«Nei primi tre mesi dell’anno gli acquisti si sono mantenuti stabili grazie alla compensazione avvenuta tra crollo dei consumi fuori casa e impennata dei consumi domestici», spiega Francesco Berti, dal giugno 2019 amministratore delegato del gruppo. «Più pesante il calo degli acquisti registrato a partire dal periodo di Pasqua, soprattutto al Sud, dovuto alla ridotta capacità di spesa degli italiani».

Ritorno alle vecchie abitudini, come i pasti consumati fuori casa; tempestività del Governo nell’attuare politiche di sostegno alle famiglie e contesto internazionale, con l’attenzione puntata sui rapporti Usa-Cina e sul mercato delle materie prime le tre variabili che, secondo l’amministratore delegato, condizioneranno i risultati del 2020.

Francesco Berti, dal giugno 2019 amministratore delegato del gruppo Amadori

Le stime per l’anno in corso prevedono un fatturato lievemente inferiore a quello appena chiuso dal Cda a quota 1.304 milioni di euro, a consolidamento di un trend in crescita dagli esercizi precedenti (1.255 milioni nel 2018, in crescita del 3,8% rispetto al 2017). Numeri che hanno permesso all’azienda fondata cinquanta anni fa da Francesco Amadori di posizionarsi stabilmente ai vertici del settore avicolo, tra le prime aziende del comparto alimentare italiano.

Investimenti da 250 milioni

Oltre a mantenere alta l’attenzione sulle filiere di qualità, segmento di punta in un contesto di parziale difficoltà per il comparto delle carni bianche (-0,4% nel 2019), l’azienda spinge sul fronte degli investimenti: più di 220 milioni di euro nel periodo 2016-2019 e altri 250 milioni in arrivo per il triennio 2020-2022. «Questa ultima tranche sarà destinata in percentuale maggiore – circa 130 milioni – agli stabilimenti», commenta Berti. «Una quota di circa ottanta milioni andrà a supportare supply chain e logistica, mentre i restanti 40 milioni saranno destinati a incubatori e mangimifici».


questo articolo è stato scritto da di Silvia Marzialetti a questo indirizzo. e qui ripubblicato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More

Redazione DReporter

Il Team di Redazione è composto da vari collaboratori e freelancers ognuno dei quali in focus sull'argomento trattato

Articoli Suggeriti per Te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button