Digital News

50 donne che hanno fatto (e fanno) la storia dell’informatica

Da programmatrici a dirigenti d’azienda, da esperte di cybersecurity a scienziate. A partire dal nume tutelare Ada Lovelace, ecco i volti di chi ha rivoluzionato il settore

Nell’aprile del 1967 erano ventimila le programmatrici nelle allora nascenti società di informatica. Grace Hopper, matematica che ha iniziato la sua carriera nel mondo della tecnologia nel ’49, disse in un’intervista di quei tempi: “È esattamente come preparare una cena: devi pianificare prima e pensare alla sequenza di ogni cosa in modo che sia pronta quando ne hai bisogno. Programmare richiede pazienza e la capacità di considerare ogni dettaglio. Per le donne programmare un computer è una cosa per così dire naturale”. Mezzo secolo dopo, in un mondo della tecnologia e dell’informatica (e dei social network) completamente stravolto, le donne, pur giocando da vere protagoniste del cambiamento, sono tuttavia ancora una minoranza del settore.
Sono pioniere, ricercatrice, studiose, programmatrici, capi d’azienda, leader, consulenti. Hanno reso il web fruibile così come lo conosciamo oggi, in grandi aziende informatiche come Google, Facebook, Netflix, Ibm, o in startup innovative. Eppure, almeno in Italia, ancora ci sono gap di genere importanti nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Lo ha evidenziato l’ultimo Global gender gap report del World Economic Forum: nel 2019 infatti l’Italia è risultata al 76esimo posto su 153 Paesi per differenza di salario tra uomini e donne.
Il divario è anche alla base di uno studio dell’Allen Institute for Artificial Intelligence a Seattle, che ha confrontato il numero di donne e uomini che hanno firmato articoli scientifici in ambito informatico dal 1970 al 2018. “Abbiamo svolto la più vasta analisi della letteratura scientifica nell’ambito dell’informatica per valutare il gender gap“, hanno spiegato gli autori e il risultato è che “la percentuale è di 30 per le donne contro 70 per gli uomini“. La parità? A questo ritmo di potrebbe raggiungere tra più di un secolo. Non ci facciamo abbattere: i successi nel campo dell’informatica del genere femminile sono comunque tanti. E Wired ha raccolto i volti e le storie di 50 donne che ne hanno fatto la storia.
 
]]>

Potrebbe interessarti anche

leggi articolo completocliccando qui


Articolo Originale di Paola Toia, pubblicato e leggibile in originale a questo indirizzo e qui citato a fini di diffusione. Tutti i diritti sono riservati all’autore e alla testata di riferimento.

Show More
Back to top button